FISCALITA - Simona Sepio

Animated textheadlineswords

Animated textheadlineswords

Animated textheadlineswords

AprireSocietàinRomania.org
Vai ai contenuti
Fiscalità


Trattamento fiscale delle società rumene dal 1º gennaio 2018:

– Fino al 1.000.000 euro/anno di fatturato, la società viene considerata “micro” e paga verso lo stato rumeno dal 1% - 3% del fatturato (lordo).
1% per le società che hanno alle loro dipendenze almeno 1 dipendente;
3% per le società che non hanno alcun dipendente.


– Superato l'importo di 1.000.000 euro/anno, la società rumena non è più “micro” e passa al regime normale di 16% del netto.

Il versamento dell’IVA  verso lo stato rumeno è trimestrale. Il deposito delle dichiarazioni fiscali è mensile.

Le  esportazioni e forniture intracomunitarie di beni e servizi sono esenti da Iva.

Per questo, una società costituita in Romania può vendere in UE con il 19% (rappresentando l’IVA) in meno rispetto alla società UE che dovrebbe vendere nel proprio paese; lo stesso ragionamento vale per qualsiasi paese dell'UE.

L’imposta sul valore aggiunto (L’IVA) 19%:
L’aliquota ordinaria, è del 19% per la maggior parte di cessioni di beni e le prestazioni di servizi, ad eccezione di quelle in regime di esenzione.
L’aliquota ridotta al 9% si applica ad alcune fattispecie espressamente previste dalla legge: farmaci, libri, ingressi ai musei, servizi alberghieri, ecc.
Tra le altre esenzioni figurano i servizi sociali, sanitari, educativi e alcune transazioni immobiliari.
Dichiarazioni fiscali, obblighi strumentali e versamenti.

Di solito, la dichiarazione dei redditi della ditta, relativa a redditi conseguiti nell’anno precedente, deve essere presentata entro il 25 maggio dell’anno successivo.

In materia di Iva la dichiarazione deve essere presentata ogni mese in particolare per chi effettua almeno un acquisto intracomunitario di beni.

Principali trattati sottoscritti con l’Italia:

– Convenzione per evitare la doppia imposizione, firmata a Bucarest il 14/01/1977 e ratificata con legge n. 680 del 18/10/1978 e in vigore dal 6/02/1979.

– Accordo per la promozione e la protezione degli investimenti, contenente clausole fiscali, firmato a Roma il 6/12/1990, ratificato con legge n. 704 del 14/12/1994 ed entrato in vigore il 14/03/1995.
Torna ai contenuti